Home > Elenco news > Maurizio e Vania: l’esperienza (di lavoro e di
  • 08 gennaio

    Maurizio e Vania: l’esperienza (di lavoro e di vita) della SanFrediano Immobiliare

    Sul mercato dal 1992, nel 2001 hanno fondato la loro società: “Non più mediatori, ma consulenti professionali del mercato immobiliare”

    Maurizio Di Cara e Vania Vegni iniziano il loro percorso nel mondo immobiliare nel 1992, lavorando assieme (con ottimi risultati) presso un noto marchio di franchising.

    Nel 2001, quindi quasi 20 anni fa, la decisione di mettersi in proprio: nasce la SanFrediano Immobiliare. E inizia un percorso di grandi soddisfazioni.

    “Prendemmo questa decisione – ricordano Maurizio e Vania – perché era cambiata la politica aziendale del franchising. Non abbracciando più le loro linee guida, ci siamo staccati e abbiamo costituito la SanFrediano Immobiliare Snc, con sede in uno dei piu popolari quartieri storici di Firenze, in Borgo San Frediano 159 rosso”.

    Maurizio e Vania credono molto in parole chiave come trasparenza, affidabilità, fare squadra: non a caso nel 2013 sono fra i soci promotori e fondatori di Rete Toscana Casa, “associazione di agenzie immobiliari ed operatori nel settore della intermediazione e della compravendita immobiliare – la definiscono - che opera esclusivamente nel territorio della Toscana”.

    “Il nostro credo aziendale – si raccontano - è sempre stato quello di accompagnare il cliente in tutte le fasi della compravendita, dalla ricerca iniziale fino alla conclusione del rogito, cercando di essere più consulenti professionali del mercato immobiliare che classici mediatori”.

    Le loro specializzazioni? “Operiamo prevalentemente nel centro storico fiorentino e nelle immediate vicinanze – rispondono – In questo modo abbiamo acquisito un' esperienza ormai ventennale tale da farci muovere e trovare soluzioni abitative e, ultimamente, sempre più di investimento per la nostra clientela. Sia nel comparto residenziale che in quello commerciale”.

    Maurizio e Vania non si fermano. Guardano sempre avanti: “Nel 2018, insieme a RTC, abbiamo stretto un accordo con un importante banca a livello internazionale per la dismissione dei loro Non Performing Loan (NPL), diventando consulenti-asta dei loro crediti immobiliari, allo scopo di ampliare il nostro bagaglio professionale e fornire al cliente altre opportunità. Che fino ad ora era ai più sconosciuta e ad uso esclusivo degli… addetti ai lavori".

    “Il valore aggiunto di RTC? Oltre ad essere circondati da colleghi seri ed affidabili – rispondono con sicurezza – l’aver sposato le linee guida del nostro codice etico, il sempre continuo aggiornamento con corsi di formazione di alto livello ed “Academy” per il mercato vincolato… . Perché riteniamo che oggi la figura del "mediatore", così come concepita da altri operatori, sia ormai obsoleta e con tendenza all'esaurimento”.

    “Oggi – rimarcano - il cliente ha bisogno di un consulente immobiliare globale, intelligente. Che abbracci un codice etico come quello di RTC, che lo accompagni e lo consigli giustamente. In modo da perfezionare un acquisto, sia in mercato libero, sia in mercato giudiziario e vincolato, con le giuste competenze e professionalità”.

    Maurizio e Vania chiudono con una… previsione: “Siamo sicuri che andrà a scomparire la figura del sensale, "ignorante" se ci passate il termine, che svolgendo altra attività principale nello spazio ritagliato cercava di chiudere affari senza averne competenze. Generando disservizi e, spesso, danni economici”.

    Autore: Rete TOSCANA Casa
    Indietro